Consumi: Calano i costi delle bollette dell’elettricità con le rinnovabili

Bollette meno care per gli italiani, grazie alle rinnovabili, è questo il dato emerso dall’Irex Annual Report 2012, curato dall’Istituto Althesys, che ha contribuito a spegnere (chissà per quante ore) le polemiche relative al peso economico degli incentivi per le energie rinnovabili sulle bollette dell’elettricità, dopo le parole sorprendenti del ministro Passera, che ha ipotizzato nei giorni scorsi di ridurre gli oneri a carico dei consumatori operando attraverso una parallela diminuzione degli aiuti di Stato alle fonti pulite.

RinnovabiliSecondo il rapporto in questione, nel 2011, grazie alle fonti rinnovabili sono stati risparmiati 397 milioni di euro sul prezzo dell’elettricità all’ingrosso e da qui al 2030 sarà possibile ottenere una notevole diminuzione dei costi in bolletta in Italia da22 a 37,8 miliardi di euro. Da segnalare, inoltre, come lo scorso anno il fotovoltaico abbia fatto calare di un buon 10% il costo dell’elettricità più cara, quella del picco diurno, con ovvi benefici per le tasche dei consumatori.

“Noi non vogliamo entrare nel merito di giudizi politici, ci limitiamo a fornire dati”, ci tiene a precisare Alessandro Marangoni, l’economista che guida Althesys. “E i dati indicano con chiarezza un effetto positivo delle fonti rinnovabili sul sistema Paese in tutti gli scenari tracciati, anche se il traino è ovviamente più netto in quello in cui gli interventi sono più spinti”.