Bomba ecologica: 6 milioni per smaltire le ecoballe della Terra dei Fuochi

Ecoballe nella Terra dei Fuochi

Ecoballe

L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) è al lavoro per fare dei controlli sulle aree della Terra dei fuochi citate dal pentito Carmine Schiavone.

Lo afferma il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, in Aula alla Camera per il Question time.

“Le affermazioni rese da Carmine Schiavone in merito al sistema di smaltimento illecito di rifiuti perpetrato sul territorio campano – osserva Orlando – trovano conferma in molteplici degli atti di un processo pendente innanzi al Tribunale di Napoli”, dove “il ministero si è costituito parte civile”.

Su questo – continua Orlando – “ho dato immediatamente mandato alle strutture ministeriali competenti e all’Ispra, alla quale ho scritto in data 18 settembre 2013, di effettuare tutte le verifiche del caso per una corretta individuazione e delimitazione delle aree interessate da possibili fattori da inquinamento”.

Per Orlando un programma di bonifica non può prescindere dallo “smaltimento delle ecoballe, una vera e propria bomba ecologica da sei milioni di tonnellate, esposte, peraltro, a pericoli ambientali, quali l’incendio per esempio, sia di origine naturale che dolosa”. Il ministro ricorda che, a questo proposito, “anche se nel Piano regionale dei rifiuti si è individuato il termovalorizzatore di Giugliano come l’impianto dedicato a risolvere questo annoso problema, ho insediato presso il ministero dell’Ambiente un tavolo di lavoro con i principali istituti di ricerca del Paese (Ispra, Cnr, Enea) e con la presenza della Regione Campania per verificare l’esistenza di strade alternative”.

(ANSA)