“Good Wood: le nuove frontiere dell’edilizia”

edilizia_sostenibile_2

L’Associazione “Progetto Energia Zero” promuove il Seminario formativo “Good Wood: le nuove frontiere dell’edilizia”, che si svolgerà giovedì 24 aprile 2014 dalle ore 14.30 presso il Complesso Monumentale dell’ex Carcere Borbonico, Avellino.

Il Seminario, totalmente gratuito, consentirà l’accesso a crediti formativi professionali. Nel grave quadro dell’edilizia in Italia, il comparto del legno risulta essere l’unico in vera e costante crescita.

È pertanto fondamentale sensibilizzare innanzitutto i progettisti, verso soluzioni che riescono a dare risposte concrete ad un mercato che è costantemente alla ricerca di professionisti qualificati. Il legno come materiale da costruzione ha conosciuto negli ultimi anni una grande evoluzione: confort abitativo, elevate prestazioni termiche, grande resistenza al sisma e al fuoco, forme innovative generate da metodi di calcolo e di produzione computerizzati. Quali sono le caratteristiche e potenzialità del legno in architettura? Quali i sistemi costruttivi in legno tecnologicamente più avanzati, in grado di garantire comfort, sostenibilità e risparmio energetico? Prestazioni e punti di forza: resistenza al fuoco e al sisma. Docenti universitari, progettisti ed esperti accreditati illustreranno le best practices che sono alla base della progettazione di strutture in legno, efficienti e all’avanguardia. Attraverso un linguaggio chiaro ed incisivo sono presi in esame gli aspetti salienti dell’argomento: le corrette strategie progettuali, gli aspetti tecnologici e prestazionali, la sicurezza e la normativa. Obiettivo del Seminario è dare risposta alle molte domande dei tecnici, aprendo così una finestra per osservare da vicino i vantaggi degli edifici con struttura in legno.

L’Irpinia, territorio storicamente fragile, ma sensibile alle questioni della sostenibilità, costituisce anche il cuore pulsante della nostra Associazione, che sebbene estesa su tutto il territorio nazionale, nasce esattamente ad Avellino. E questo costituisce per noi certamente un valore aggiunto a tutto l’evento.