Guerrilla Gardening a Napoli: Fuorigrotta Terra di Nessuno o Campo di Fiori?

photo.php

Se il quartiere potesse parlare, senza dubbio darebbe voce ad un appello simile. Parliamo di Fuorigrotta, un quartiere di Napoli orfano di residenti che, disinteressati alla tutela e alla salvaguardia di esso, lo condannano ogni giorno alla decadenza.

Certo, perché la vigliacca mentalità urbana è quella del “chissenefrega”; “mica tocca a noi fare queste cose”. Quanto è facile appellarsi al populismo, scaricando sempre le colpe “al Comune”, “alla politica”, “allo Stato”. Quanti paroloni, pur di non entrare nella concezione che il cambiamento è possibile, ma non deve essere cercato fuori da noi, ma a partire da noi: “dobbiamo essere il cambiamento che vogliamo” . Viviamo negli anni più qualunquisti della storia di questo Paese, è vero, sono tempi duri in cui siamo tutti un po’ naufraghi alla deriva di idee, speranze e senso di partecipazione. Ma non dobbiamo adagiarci sulla strada della rassegnazione, perchè è la più facile e meschina. Siamo un popolo di Cristiani, conosciamo bene la storia di Cristo, eppure siamo tutti dei Ponzio Pilato, e ce ne laviamo le mani. Ce ne laviamo le mani Noi, che accusiamo “gli altri” di lavarsene le mani… Ma, senza fare grandi morali, senza fare grandi viaggi ideologici: iniziamo a riacquistare il vero senso di Politica, a partire da Noi, dal nostro piccolo ma concreto e possibile raggio d’azione: il nostro quartiere.

Viviamo in una grande città, che “stuorto o muorto” va avanti, ma che per la quale i riflettori dei media, si accendono solo quando inciampa, o a fatica tira avanti. E allora, invece di indignarci perché al TG parlano solo di monnezza, camorra, e scippi, perché non proporre nuove vie che possano riportare la gioia di vivere a colori le strade del quartiere (?): passeggiare tra i negozi, sfruttare al meglio gli spazi e le piazze, valorizzare il verde che ci resta e portare altro verde, altra luce, nuove opportunità… Basta poco: a partire da noi. Fuorigrotta ne ha bisogno, e anche chi ci vive. Perché è ingiusto che spazi adibiti per bambini, siano invece sporcati da chi il quartiere lo usa e lo getta a suo piacimento; è ingiusto che panchine e giardinetti, debbano diventare proprietà di incivili occupanti ad oltranza, di cui restano peraltro sgradevoli tracce e residui della loro permanenza.

È ingiusto che si continui a vivere nella convizione che”niente mai cambierà”, “che nisciuno è buono” perché “sono tutti uguali”. È ingiusto perché è falso, perché c’è chi ci crede, e lotta, nonostante tutto, per salvare il salvabile e cercando di coltivare laddove agli occhi di tutti è un campo sterile. Persone come Rosario Coglitore, che con il suo gruppo Facebook “quelli che amano Fuorigrotta”, testimonia e porta avanti le condizioni in cui giacciono alcune zone del quartiere, facendo rispuntare fiori in terreni incolti e malridotti, e ricolorando così, grazie alla collaborazione di validissimi cittadini volontari, la Fuorigrotta del 2014, un po’ grigia, triste, che ricorda con nostalgia, i tempi del Viale Augusto alberato, dell’Edenlandia, della folla e della gente entustiasta, attiva, partecipe. Bando alla nostalgia, è tempo di vivere il presente per scegliere il futuro: insomma, qual è la Fuorigrotta che vogliamo?
– Fuorigrotta Terra di Nessuno, o Campo di Fiori?

Martina Cecere

aqs