Bollo e targa sulla bicicletta: la proposta shock

BiciNel ddl per la riforma del Codice della Strada, il senatore Pd Marco Filippi ha presentato un emendamento che dovrebbe prevedere il bollo e la targa anche per le biciclette. Tale proposta ha innescato una serie di polemiche.

Però il senatore dem ha precisato su Twitter ai cittadini che hanno aperto anche l’hashtag #labicinonsitocca, che il ddl 1638 prevedeva in realtà l’identificazione delle biciclette come veicoli a tutti gli effetti, al fine di imporre un’idonea tariffa per i proprietari:

  • delle motoslitte, disciplinandone le caratteristiche costruttive e funzionali, nonché la circolazione con un apposito contrassegno identificativo;
  • delle biciclette e dei veicoli a pedali adibiti al trasporto, pubblico e privato, di merci e di persone, individuando criteri e modalità d’identificazione delle biciclette stesse nel sistema informativo del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale.

    La tariffa è stata interpretata come il ‘bollo delle bici’ e l’identificazione come una targa. In realtà, si tratterebbe solo del telaio. Inoltre Filippi ha specificato che la tassa sarà riservata esclusivamente a chi utilizza cicli per fini commerciali come il trasporto di persone o cose, anche se permangono le perplessità delle associazioni di categoria.