Stampa 3D dannosa: fumi e micro particelle provocano il cancro

stampa 3d

La stampa 3D può danneggiare gravemente la salute.

Ad affermarlo uno studio dell’Illinois Institute of Technology, redatto da alcuni scienziati americani secondo cui i fumi emessi dai materiali e soprattutto le micro particelle liberate durante la fase di lavorazione sono cancerogeni.

I test hanno preso in esame cinque marchi di stampa 3D, tra cui Makerbot Replicator sX e LulzBot Mini. Osservando le emissioni di particelle ultra-fini provenienti da due tipi di materiali filamentosi, i ricercatori hanno rilevato che i valori erano molto alti e che rilasciavano fumi inquinanti in fase gassosa. Così hanno deciso di procedere stampando con cinque diversi materiali lo stesso file: dalla plastica ABS ai policarbonati superano tutti i limiti sia per fumi che per micro particelle. A fare la differenza nei valori riscontrati non è la marca, ma il tipo di materiale utilizzato.

«Ci dovremmo preoccupare di buona parte delle stampanti e dei filamenti che sono oggi in circolazione hanno affermato gli scienziati Parte di queste preoccupazioni dipendono dal fatto che oggi la gente introduce questi macchinari nelle scuole, nelle biblioteche».