Anche Epson passa al green

Minoru Usui epson

Il Presidente di Epson afferma l’impegno dell’azienda per un futuro più sostenibile.

Una nuova ricerca rivela che  dei prodotti IT. L’impegno di Epson nel supportare i clienti nel ridurre l’impatto ambientale.

Epson, leader mondiale dell’innovazione nella stampa, nei dispositivi indossabili, nella robotica e nella comunicazione visiva, ha annunciato in una conferenza stampa a Düsseldorf il suo impegno per un futuro sostenibile, sulla base di quanto emerso da una nuova ricerca svolta da una società indipendente sulla sostenibilità e, in particolare, sull’innovazione ecosostenibile nel luogo di lavoro. Il Presidente di Epson, Minoru Usui, durante l’incontro ha sottolineato l’impegno dell’azienda nello sviluppo e offerta delle esclusive tecnologie Epson per contribuire a costruire una società davvero sostenibile. E’ stata anche annunciata la visione di Epson per “la nuova era della robotica”, che celebra i 30 anni di presenza dell’azienda in questo mercato in Europa.

Le imprese IT europee non investono sull’efficienza energetica.

Rafforzare l’attuale espansione di Epson nei mercati business è l’obiettivo della società a fronte dei risultati della ricerca condotta dalla società di analisi Quocirca, che ha rivelato come la maggior parte delle aziende europee non stia investendo sulle tecnologie ecosostenibili. La ricerca, che si è svolta in aprile e maggio 2016, riporta le opinioni in materia di sostenibilità dei Responsabili Acquisti e IT in 500 organizzazioni europee e arriva in un momento in cui le aziende si trovano a dover affrontare una pressione crescente per rispettare la triple bottom line e favorire una maggiore innovazione ecosostenibile della propria organizzazione.

Minoru Usui, Presidente di Epson, ha dichiarato:

“Come azienda, le nostre ambizioni di promuovere la sostenibilità vanno oltre lo sviluppo di una tecnologia che riduce l’impatto ambientale dei nostri prodotti. Come si può vedere dalla ricerca, un futuro sostenibile può essere raggiunto solo quando c’è una precisa strategia di business a sostegno di ciò. L’obiettivo di Epson è favorire un cambiamento radicale nel comportamento e nel modo di fare business delle persone fornendo prodotti, servizi e funzioni che consentano di avere uffici efficienti e un futuro migliore e più sostenibile.”

Nonostante la pressione dei costi e della sostenibilità, la ricerca ha rivelato che solo il 23% delle imprese europee sfrutta appieno il potenziale della tecnologia ad alta efficienza energetica disponibile. Sono state rilevate forti differenze di opinione tra le grandi imprese e le PMI, con il 74% delle grandi imprese che considera la sostenibilità una priorità assoluta, rispetto a solo il 33% delle PMI. Sorprendentemente, solo la metà (53%) delle società europee ha dichiarato che la sostenibilità è molto importante nel complesso.

E’ più probabile che le imprese più grandi (39%) implementino soluzioni IT ad alta efficienza energetica rispetto alle PMI (8%), che ne percepiscono il costo come principale ostacolo.

Rob Clark, Senior Vice President di Epson Europe ha detto:

“Passare da laser a getto d’inchiostro, per esempio, può aiutare le aziende a raggiungere un risparmio energetico fino al 96%, una riduzione delle emissioni di CO2 del 92% e una riduzione del 95% nei rifiuti, con conseguente maggiore efficienza dei costi, ma anche energetica. Oltre la metà degli intervistati (56%) afferma che prevede di effettuare il passaggio alle getto d’inchiostro nel corso dei prossimi 12 mesi.”

 

La nuova era dei robot Epson

I robot Epson sono presenti in Europa da 30 anni; è una lunga storia di successi che ha portato oggi la società a fare un importante annuncio: lo sviluppo e il lancio di sensori ad alta precisione per i robot della serie S250. I nuovi sensori impiegati in combinazione con robot come quelli della nuova serie Epson N, consentiranno alle macchine di modulare in automatico la forza applicata agli oggetti, permettendo l’automazione di compiti complessi che in precedenza richiedevano la percezione sensoriale umana.

I nuovi sensori rappresentano uno sviluppo significativo per Epson e per l’intera industria manifatturiera e permettono all’azienda di compiere un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento dell’obiettivo di creare un mondo in cui esseri umani e robot possano coesistere aiutando le persone in un’ampia gamma di situazioni: la sfida è quella di sviluppare una tecnologia che contribuirà a liberare le persone dal lavoro manuale e ripetitivo per consentire loro di concentrarsi sulle attività più creative.