Le 5 piante più potenti per purificare l’aria di casa secondo la scienza

piante purificatrici

Respirare aria sana e pulita è il primo passo per donare al nostro corpo e alla nostra mente salute e serenità. Respirare aria di mare e di montagna ci rende più forti perché l’ossigeno è il motore dei nostri organi vitali ed è per questo che ci risulta insopportabile l’aria “viziata” che si genera all’interno di edifici o case poco arieggiate.

Inoltre, non sempre spalancare le finestre può essere un buon motivo per rigenerare l’ambiente di casa e anzi, spesso favorisce solo l’introduzione di micro particelle e smog delle automobili. Ci sono varie soluzioni per purificare l’aria di casa nostra ed una prima efficace soluzione è l’introduzione di piante  da appartamento che ci aiutano a purificare l’aria delle stanze in cui viviamo.

Uno studio recente contribuisce a darci nuovi suggerimenti sulla giusta tipologia di pianta da scegliere tra quelle che meglio si adattano alle specifiche esigenze e al clima; i ricercatori della Oswego – State University di New York hanno individuato nei composti organici volatili (VOC) la principale causa di inquinamento domestico ed hanno scoperto che alcune piante sono migliori di altre nel rimuovere questi microcomposti, spesso maleodoranti.

I più conosciuti e di uso comune sono l’acetone, il benzene, la formaldeide rintracciabili nei mobili, nei detersivi, nei cosmetici, nella moquette e nei tendaggi. Secondo lo studio, uno dei modi migliori per liberarsene è arredare l’ambiente di specifiche piante purificatrici dell’aria. Ma vediamo quali sono:

pianta bromilaceae

1) le Bromeliacee, piante tropicali facili da curare, secondo lo studio sono le più potenti in fatto di purificazione dell’aria

 

dracena

2) la Dracena, ottima per l’assorbimento dell’acetone (circa il 94%)

 

Consolea_falcata_pm

3) la Consolea falcata o cactus

 

crassula_albero di giada

4) Albero di giada o Crassula ovata, pianta grassa dell’Africa meridionale

 

falangio

5) Falangio  Chlorophytum comosum, è conosciuto anche con il nome di clorofito o nastrino