Una sana colazione favorisce i buoni voti a scuola. Mamme, lo fate nel modo corretto?

colazionePreparare una sana prima colazione ai propri figli, contribuisce a migliorare il rendimento scolastico.

A pensarlo sono 9 mamme italiane su 10 e a confermarlo sono le indagini condotte dall’Osservatorio Doxa-AIDEPI su un campione rappresentativo di 500 mamme con figli tra i 3 i 18 anni.

Mangiare bene a colazione può raddoppiare i voti scolastici dei giovani studenti. Il rapporto “Le mamme e la colazione dei figli in età scolare” è stato presentato in occasione della riapertura dell’anno scolastico ed evidenzia l’impatto positivo che una corretta colazione può avere su memoria, capacità logico matematiche e comprensione .

Male mamme italiane già lo sanno e l’indagine conferma che 9 mamme su 10 pensano che una buona colazione favorisce il rendimento a scuola. Secondo Aidepi si tratta di una percezione supportata dal parere della scienza: un recente studio dell’Università di Cardiff conferma che una buona prima colazione migliori i voti a scuola  fino a due volte rispetto ai bambini che la saltano. In italia le mamme lo sanno bene, le statistiche mostrano che  il 93% dei bambini fa colazione tutte le mattine, e solo il 6% 3-4 volte a settimana.

Ma cosa mangiano i bambini e i ragazzi tra i 3 e i 18 anni prima di andare a scuola?

Anche se 7 mamme su 10 dichiarano di leggere con attenzione l’etichetta nutrizionale dei cibi, non tutte però conosco bene l’apporto calorico a cui la colazione dovrebbe riferirsi e il 75% delle mamme italiane tende a sopravvalutare le calorie necessarie. Anche per quanto riguarda la  ripartizione dei nutrienti, vengono preparate troppe proteine a discapito di carboidrati e fibre.

A farla da padrone i biscotti (75% delle preferenze), seguiti da cereali da prima colazione, muesli e riso soffiato (58%), dolci fatti in casa (43%) e merendine (38%). Yogurt, classico o alla frutta, per il 32%. Mentre 1 bambino su 4 ( 25-27%) sceglie pane o fette biscottate con creme spalmabili, marmellata o miele. Per tutti la bevanda preferita al pasto del risveglio è il latte: bevuto da solo (50%) o con aggiunta di polveri al cacao (43%), o con un po’ di caffè, soprattutto per i più grandi, nel classico caffelatte (32%) o cappuccino (23%). Succhi di frutta e spremute confezionate (26%) o fresche (20%) completano il quadro delle bevande più ricorrenti.

La ricetta per la colazione perfetta, secondo i nutrizionisti dovrebbe prevedere carboidrati, fibre ed una bevanda rispettando la proporzione del 70% carboidrati, 20% proteine e 10% grassi. Per aiutare le mamme, il nutrizionista Luca Piretta propone due idee di menù pensate per bambini di età diverse.

Menù da 400 kcal per bambini da 6-10 anni:
– una tazza di latte parzialmente scremato da 150 cc (o uno yogurt magro alla frutta senza zucchero),
– una fetta di pane tostato con marmellata o miele,
– due biscotti con i cereali e una spremuta d’arancio o un kiwi.

Menù da 500/600 kcal per ragazzi tra gli 11 e i 18 anni:
– una tazza di latte parzialmente scremato da 200 cc
– aggiunta di cereali (80 gr) oppure tre fette biscottate con marmellata (da alternare un paio di volte a settimana con crema spalmabile),
– due o quattro biscotti frollini,
– una spremuta d’arancio o un kiwi