Alle Bahamas sorgerà il primo paradiso marino protetto della MSC Crociere

ocean-cay-marine-reserve

Parte l’opera di riqualificazione della Ocean Cay, ex cava delle isole Bahamas che nel 2018 diventerà un paradiso marino protetto ad uso esclusivo dei croceristi della MSC.

La compagnia MSC Crociere punta alle Bahamas e ha annunciato che nei prossimi giorni avrà ufficialmente inizio l’opera di riqualificazione dell’esclusiva riserva marina di Ocean Cay MSC Marine Reserve. Un progetto ambizioso che vedrà l’apertura al pubblico nel 2018 (e non più nel 2017 come annunciato nei mesi scorsi).

Il progetto prevede, infatti, la conversione di un’area industriale precedentemente utilizzata come cava per l’estrazione di sabbia, in una vera e propria riserva marina protetta che coesisterà con l’ecosistema locale. La MSC Crociere, insieme con il Governo delle Bahamas ed un team di ecologisti, ha in programma un profondo riassetto naturalistico, con la piantagione di oltre 80 specie indigene – come il corniolo giamaicano, le mangrovie rosse, nere e bianche e le convolvulacee – e la realizzazione di un villaggio in stile architettonico locale e servizi di ristorazione con prodotti e specialità del posto.

“La realizzazione della Riserva Marina di Ocean Cay – rende noto la compagnia in una nota stampa – consiste in un progetto complesso che indurrà un’evoluzione positiva dell’economia locale – da un’economia basata sullo sfruttamento delle risorse a un sistema fondato sulla loro conservazione”.

Lungo i con 3,5 km di costa incontaminata che accoglie la quarta spiaggia più lunga al mondo, la Ocean Cay MSC Marine Reserve diventerà “attracco e molo per i croceristi di MSC Crociere che sbarcheranno dalla nave direttamente sull’isola, dove troveranno tutti i servizi offerti a bordo, compreso lo Yacht Club, e che la rendono di fatto un vero e proprio straordinario prolungamento della nave stessa. La vita notturna sull’isola offrirà, tra l’altro, musica dal vivo e spettacoli nell’anfiteatro all’aperto con 2.000 posti a sedere, oltre a molti bar e ristoranti”.