Siemens e mobilità sostenibile: intervista esclusiva ai vertici aziendali sulle ultime innovazioni

Logo Siemens
Con un’offerta completa per la mobilità sostenibile, da reti intelligenti e sistemi per la gestione del traffico, fino a tecnologie per auto e bus elettrici, Siemens è stata anche quest’anno protagonista di MobilityTech, il più importante appuntamento nazionale sull’innovazione tecnologica per lo sviluppo della mobilità e del trasporto, presentando le iniziative intraprese per rispondere ai megatrend mondiali che vedono le città come centro del cambiamento.

Siemens, Main Sponsor del MobilityTech, ha proposto uno schema nuovo: l’ “AVA-TOWN (la città avatar) – Percorso nella sostenibilità”, che ha riunito eventi congressuali di profilo internazionale, workshop, un’area dedicata all’incontro tra i fornitori di sistemi e tecnologie e i partecipanti del Forum e un’esposizione di veicoli a basso o nullo impatto ambientale. Siemens è stata inoltre tra i protagonisti del progetto Hackaton, un meeting in cui hackers ed esperti d’informatica si sono riuniti per una sessione di programmazione informatica collaborativa, con lo scopo di far nascere nuove idee e progettare soluzioni informatiche utili a chi si occupa di mobilità.

Il Responsabile della Divisione Smart Grid di Siemens Italia, Danilo Moresco, è stato intervistato ai nostri microfoni sulle ultime innovazioni in materia di mobilità sostenibile:

La divisione Smart Grid di Siemens Italia impiega molte risorse nella ricerca verso la realizzazione di strategie alternative per una mobilità innovativa e sostenibile. Quali sono i principali progetti in via di realizzazione e quelli già messi a punto?

“La Divisione Smart Grid di Siemens Italia si è aggiudicata la gara pubblica per la realizzazione di un’infrastruttura sperimentale-dimostrativa di poligenerazione presso il campus universitario di Savona. Siemens realizzerà con approccio turn key una microgrid composta da una micro-turbina a gas (precedentemente acquistata dall’ateneo), un impianto fotovoltaico su tetto, due concentratori solari termodinamici, uno storage elettrico e un sistema per la ricarica dei veicoli elettrici. La microgrid sarà gestita da DEMS (Decentralized Energy Management System), sistema di monitoraggio, supervisione e controllo capace di modulare e ottimizzare la produzione di energia e i consumi della Smart Polygeneration Microgrid. Il progetto sarà completato entro l’estate del 2013.  La Divisione inoltre, sta sviluppando in Italia il progetto “Le Microgrid viste come piccole città” che ha l’obiettivo di applicare e testare tecnologie innovative nelle microgrid per riposizionarle nei centri urbani. Mentre a livello internazionale, Siemens sta sviluppando in Germania sistemi di accumulo a bordo di tram per l’eliminazione delle linee di contatto aeree”.

In occasione di Mobility Tech 2012, Siemens Italia ha preso parte a diversi convegni e workshop. Quali tematiche sono state approfondite nel corso della due giorni?

“Nell’ambito del convegno “Smart Urban Mobility, dai PUMS all’impegno delle aziende per la sostenibilità” ho presentato il contributo della Divisione Smart Grid di Siemens Italia alle iniziative legate ai progetti di mobilità sostenibile e ai nuovi progetti in ambito italiano. La piattaforma Operation Center sviluppata dal nostro centro di competenza si è arricchita di nuove funzionalità legate ai progetti pilota dell’Autorità dell’Energia Elettrica e Gas ed è utilizzata in altri progetti di mobilità urbana in altre città italiane ed europee ed altri progetti Smart Grid in cui la mobilità elettrica ha un ruolo cardine nella gestione intelligente dei carichi. In occasione di Mobility Tech, inoltre, è stato tenuto un workshop sul futuro elettrico delle città durante il quale sono state illustrate le strategie alternative per introdurre una mobilità innovativa e a basso/nullo impatto ambientale come ad esempio la proposta di BEE, il Green Mobility Sharing”.

Ambiente Quotidiano ha intervistato anche Gimmi Trombetta, Responsabile della Divisione Mobility and Logistics di Siemens Italia:

In cosa consiste il sistema dell’Intelligent Traffic Management? E quali benefici può apportare alla collettività?

“La Divisione Mobility and Logistics di Siemens Italia sviluppa sistemi integrati per la gestione del traffico in grado di contribuire concretamente al miglioramento della mobilità urbana garantendo ai cittadini la possibilità di muoversi in totale sicurezza. Le informazioni raccolte dagli strumenti tecnologici di campo quali il monitoraggio in tempo reale di flussi di traffico, trasporto pubblico, informazioni relative a cantieri stradali, incidenti, manifestazioni ecc. e dati relativi allo stato dell’ambiente (ad es. qualità dell’aria), vengono raccolti ed elaborati da una Centrale Operativa in grado di attivare automaticamente sistemi di segnaletica luminosa e pannelli a messaggio variabile per l’informazione agli automobilisti in tempo reale sulla situazione del traffico; sistemi innovativi  di informazione all’utenza con l’invio automatico di sms o ai sistemi di navigazione di bordo che segnalano in tempo reale gli ingorghi e suggeriscono percorsi alternativi; strutture di semaforizzazione intelligente che regolano i flussi veicolari e coordinano il traffico privato con quello dei mezzi pubblici dando priorità a quest’ultimi al fine di evitare disagi. La gestione ed elaborazione integrata di queste informazioni permette l’ottimizzazione della gestione del traffico, con riduzione dei fenomeni di coda, aumento della velocità media di transito dei veicoli pubblici e privati, migliore informazione all’utenza.  Tra le soluzioni che proponiamo, Sitraffic Concert è un software su un’unica piattaforma che consente di monitorare e acquisire informazioni sul traffico attraverso il controllo intelligente dei semafori e la regolamentazione del flusso e della sosta. A Berlino, per esempio, Sitraffic Concert raccoglie le informazioni attraverso i sensori per il controllo della qualità dell’aria, dislocati in città e, laddove i valori delle particelle inquinanti fossero troppo elevati, è in grado, con il controllo dei semafori, di diluire il flusso del traffico riportandoli così ad un livello accettabile”.