Mobilitiamoci per un'Italia rinnovabile a Ecomondo

ecomondo-rimini

Ecomondo

Sabato 26 ottobre, a Roma, Legambiente promuove una manifestazione a favore dell´energia pulita.

KEY ENERGY (Rimini Fiera, 6 – 9 novembre), fiera internazionale per l´energia e la mobilità sostenibili, aderisce all´iniziativa, ritrovandosi nelle motivazioni di fondo della kermesse.

“La mission del salone – spiega il direttore di Business Unit a Rimini Fiera, Simone Castelli – è proprio quella di creare nuove opportunità per la green economy, coinvolgendo tutto il settore delle energie rinnovabili, dell´efficienza energetica e della mobilità sostenibile”.

Ecco, nel dettaglio, cosa prevede l’iniziativa di Legambiente.

Dalle ore 10 del mattino i Fori Imperiali ospiteranno stand di associazioni e aziende italiane delle rinnovabili, prodotti biologici e sostenibili, laboratori per bambini e ragazzi, ciclofficine, piste per go-kart a pedali e tanto altro ancora. Un’occasione, scrive Legambiente, “per far conoscere le storie di cittadini, aziende ed enti locali che hanno scelto di investire nelle fonti rinnovabili, in una mobilità nuova, in un´agricoltura di qualità e libera da ogm, in città vivibili dove innovazione, socialità e qualità culturale fanno la differenza”.

Sono 600mila gli impianti che attualmente in Italia producono energia da fonti rinnovabili. Soddisfano circa il 30% dei consumi elettrici e il 13% di quelli complessivi. Dunque, una rivoluzione energetica già in atto.

“E’ il momento di pretendere – continua l´associazione ambientalista – l’approvazione di una strategia energetica nazionale di lungo respiro che consenta al Paese di posizionarsi all´avanguardia nell´innovazione e diffusione delle energie pulite. E´ il momento di chiedere con forza la semplificazione di una burocrazia inutile che arresta la diffusione delle rinnovabili nelle famiglie e sul territorio. Vogliamo dare voce a tutti gli italiani che desiderano un cambiamento verso l´unica prospettiva di sviluppo possibile per fermare i cambiamenti climatici, ridurre la povertà e garantire la pace”.