Chevrolet Bolt EV, l'auto rivoluzionaria che si può guidare con un pedale

02-chevrolet-bolt-concept-detroit-1

Presentata al Ces 2016, la Chevrolet Bolt EV ha riscosso un grande successo tra il pubblico. E a pochi giorni di distanza Mary Barra, il Ceo di General Moto, ha svelato tutti i segreti dell’auto elettrica americana sul palco del NAIAS di Detroit.

Si tratta della prima vettura Ev dotata di grande autonomia a un prezzo non troppo elevato: 320 km per 30.000 dollari.

La prima specifica ad essere rivelata è la capacità della batteria: ioni di litio da 60 kWh, divisi in 288 celle raggruppate in 96 sottogruppi per un peso totale di 435 kg. Fornita con un garanzia di serie di 8 anni o 100.000 chilometri, la batteria utilizzata da Chevrolet sulla Bolt EV si ricarica in meno di due ore per disporre di circa 80 chilometri d’autonomia se collegati a una presa di corrente da 240 volt, mentre con il sistema di ricarica rapida, disponibile a richiesta, la Bolt EV ottiene quasi 150 chilometri d’autonomia in 30 minuti.

Per quanto riguarda le specifiche del motore, la vettura elettrica avrà una coppia di 360 Nm e una potenza di 200 cv. Grazie a questa potenza la Bolt è in grado di raggiungere i 100 km/h in meno di 7 secondi, con una velocità massima di 145 km/h.

Un’altra caratteristica che rende il veicolo innovativo è la modalità per la guida a un solo pedale. Dotata di una modalità “Low” e di una leva dietro il volante, con questo sistema si può decelerare per poi fermarsi lasciando il pedale dell’acceleratore. Premendo la leva che rigenera una grande quantità di energia, si evita l’uso del freno e si ottimizza il recupero con la ricarica delle batterie.